Moda Ecosostenibile: un nuovo approccio ai vestiti

La moda ecosostenibile rappresenta un nuovo approccio al design di vestiti. È una realtà basata e composta da:

  1. etica (condizioni di lavoro e benessere dei lavoratori);
  2. sostenibilità (scopo di proteggere l'ambiente).

Scopo? L'eliminazione delle sostanze tossiche

Si tratta di sostanze non biodegradabili che vanno ad accumularsi nelle acque reflue provocando danni ambientali. Un altro fattore di rischio è il bioaccumulo, ovvero le sostanze si agglomerano sulla pelle causando l’insorgere di gravi patologie.

Grazie a Greenpeace con la sua campagna Detox, oggi molti marchi come H&M, Zara e Benetton hanno aderito ad un percorso aziendale volto alla sostenibilità.

Certificazioni per la moda sostenibile

Esistono certificazioni rilasciate da diverse entità che confermano la provenienza e natura dei materiali impiegati. Questi enti garantiscono ai consumatori l’acquisto di prodotti realizzati secondo gli standard di sostenibilità ambientale e sociale.

Stoffe e materiali eco-friendly

Utilizzando questi materiali si abbassa il consumo dell’acqua per la produzione, i pesticidi, niente fertilizzanti e si emette meno anidride carbonica nell'atmosfera.

  1. La canapa, la seta, la lana e il lino rientrano tra i materiali usati in questo settore della moda per le loro caratteristiche ecologiche. Sono materiali naturali e non contengono OGM. Sono biodegradabili, materie prime naturali e non necessitano l’uso di sostanze tossiche durante l’estrazione e la lavorazione di essi.
  2. Il cashmere ha molte caratteristiche ecologiche infatti è un materiale naturale, biologico, biodegradabile ed una materia prima naturale. Non contiene OGM e non necessita sostanze tossiche.
  3. Il bambù è un materiale adatto per la moda ecosostenibile nonostante sia un tessuto artificiale. Nnon contiene OGM, è biodegradabile e non utilizza sostanze tossiche durante l’estrazione e la lavorazione del tessuto.
  4. Il tencel è un materiale che si ottiene dagli alberi di eucalipto dai quali viene presa la polpa di legno. La fibra cellulosa artificiale prodotta è più compatibile dal punto di vista ambientale. Viene prodotto ecologicamente ed è 100% biodegradabile.
  5. Anche il cotone ha le caratteristiche ecologiche che gli permettono di far parte dei materiali ecosostenibili. Ad esempio è un materiale naturale, biologico, senza OGM, biodegradabile e non necessita l’uso di sostanze tossiche.

Alcuni brand ecosostenibili

  1. H&M Molto famosa la collezione Conscious in cotone bio e riciclato.  H&M realizza inoltre anche capi in Tencel, canapa biologica e lana riciclata.
  2. Timberland Timberland Tires è la linea di pneumatici premium disegnata e prodotta appositamente per essere riciclata in scarpe (Earthkeepers Boot 2.0), così da creare un ciclo di vita più sostenibile per la gomma.
  3. Par.co Denim è una società bergamasca che disegna e produce abbigliamento sostenibile. La loro mission consiste nell’unire le nuove politiche di sostenibilità con la tradizione artigianale italiana, utilizzando solo tessuti biologici e riciclati.
  4. Cangiariè il primo marchio di moda etica italiano di fascia alta. Il brand lavora solo con tessuti artigianali e tradizionali, lavorati nel massimo rispetto dell’ambiente.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: