Mani robotiche con le protesi Naked Prosthetics

Le protesi Naked Prosthetics vanno a sostituire le dita perse con dei risultati incredibili in termini di comodità e utilizzo da parte di chi aveva perso, in incidenti o per malattia, le dita.

Non è la prima volta che parliamo di come la tecnologia moderna cerchi di risolvere i problemi causati da malattie e disabilità; Qui trovate l'articolo che abbiamo scritto riguardo il cucchiaio per i malati di Parkinson. Stavolta è un'azienda americana che fa parlare di se con delle protesi scambiabili per oggetti di scena di un film sui robot.

La tecnologia alla base di Naked Prosthetics

Dietro l'estetica accattivante di queste protesi si cela una tecnologia semplice ma altamente funzionale. Non vi sono sensori cerebrali o altre cose super complesse dietro il suo funzionamento, ma la semplice pressione dei moncherini che danno l'imput alle dita di chiudersi o aprirsi. In questo modo chi prima aveva perso anche tutte e 5 le dita di una mano può tornare ad afferrare oggetti, scrivere e fare tutto ciò che prima faceva. Le protesi, oltre ad essere di semplice concezione, sono anche comode da indossare (come un guanto) e leggere, risultando così poco ingombranti per chi le adopera.

Ad oggi sono stati sviluppati tre modelli diversi, ognuno con caratteristiche uniche e fatto per un tipo di amputazione diversa:

  1. MCP Driver, per chi ha perso buona parte del dito. Queste protesi sono delle estensioni che ne simulano forza e resistenza.
  2. PIP Driver, per amputazioni minori, della prima falange principalmente. Vanno a rappresentare i polpastrelli permettendo così di poter scrivere e disegnare senza problemi.
  3. Thumb Driver, protesi specifica per il pollice. Ne riproduce i particolari movimenti con naturalezza.

Qui potrai leggere e vedere i video di molte testimonianze di chi ha cambiato la sua vita grazie a Naked Prosthetics.

La tecnologia per l'ennesima volta va in aiuto di chi è afflitto da una disabilità fisica. In ambito medico tra organi riprodotti con la stampa 3D, oggetti per aiutare chi soffre di determinate malattie e protesi sempre più all'avanguardia i passi in avanti fatti rispetto a un decennio fa sono impressionanti.

E tu cosa ne pensi di queste protesi rivoluzionarie?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: